Login

Prodotti
solare termico

Collettore DUO ACQUA
Collettore DUO ACQUA & ARIA
Collettore DUO MULTI 2
Kit forzato tetto falda 100 Lt 1-2 persone
Kit forzato tetto falda 200 Lt 3-4 persone
Kit forzato tetto falda 300Lt 4-5 persone
Kit forzato tetto falda 500 Lt 6-7 persone
Kit fotovoltaico pompa di calore acqua/acqua
KIT FOTOVOLTAICO/POMPA DI CALORE
Kit integrazione riscaldamento Mt 10,5
Kit integrazione riscaldamento Mt 15
Kit integrazione riscaldamento Mt 21
KIT NATURALE 2 PERSONE
KIT PER RISCALDAMENTO AD ARIA
KIT RISCALDAMENTO AD ARIA & ACQUA
KIT SOLARIZZAZIONE POMPE SOMMERSE
KIT VERTICALE 200 Lt
PANCHINA SOLARE
REALIZZAZIONI A DISEGNO
1LAMPIONE LIBERTY
1LAMPIONE LIBERTY Mini
1PALO ARTISTICO LIBERTY
1PALO EIFFEL
1 LAMPIONE GLOBO 15
1LAMPIONE GLOBO 30
1LAMPADA STRADALE 220
1LAMPIONE STRADALE 160

 

TOP100-SOLAR

17/12/2017

data pubblicazione:05/03/2009

PER INSTALLARE UN IMPIANTO SOLARE


In teoria si potrebbe utilizzare l’acqua calda per usi sanitari prodotta dalla sola fonte solare ma in pratica questa opzione è molto dispendiosa se si vuole comunque mantenere la continuità dei confort. Quindi l’impianto solare per qualsiasi utilizzo, sia esso produttore di acqua calda ad usi sanitari sia come riscaldamento, deve essere accoppiato ad un impianto con altro combustibile come ad esempio il metano il GPL o il gasolio oppure i biologici quali gli oli vegetali o la biomassa. Per installare un impianto solare termico serve soprattutto (la voglia) uno spazio il più possibile al sole quindi un giardino, un terrazzo o la falda del tetto rivolta verso sud. Una volta individuata l’area d’installazione dei collettori bisogna pensare a dove alloggiare il serbatoio d’accumulo il quale avrà una capacità di 50 - 100 litri per ogni metro quadro di collettore installato. Vi consigliamo di trovare uno spazio all’interno dell’immobile e possibilmente vicino alla caldaia infatti la dislocazione del serbatoio è importante almeno quanto il buon irraggiamento dei collettori e queste prerogative vi permettono di avere la massima efficienza dell’impianto. Il collegamento idraulico quando l’impianto è a circolazione naturale il serbatoio d'accumulo é necessario dislocarlo vicinissimo al collettore in questo caso il collegamento all'impianto di casa è composto da solo 2 tubi per l'ingresso e l'uscita con diametro da 15 a 18 mm e compreso un buon isolamento possono ingombrare uno spazio di 45 x 100 mm, mentre con l’impianto a circolazione forzata al collettore oltre i due tubi della linea idraulica deve arrivare un cavetto elettrico necessario per trasmettere la situazione termica del collettore al termostato differenziale o centralina. Le costruzioni con oltre 10 - 15 anni solitamente hanno una canna fumaria sproporzionata al reale fabbisogno delle moderne caldaie quindi se i collettori sono installati al tetto la soluzione più semplice per congiungere l’impianto solare alla caldaia è far passare i tubi necessari dalla canna fumaria. Se ciò non è possibile si può scegliere di collocare una canaletta in facciata in cui posare i tubi. Una volta installato l’impianto solare la manutenzione necessaria è limitata al controllo della proporzione di liquido antigelo ogni 3-4  per far si che i tubi nel collettore e le canalizzazioni di collegamento all'impianto nel periodo invernale non si rompano a causa del ghiaccio.

 




>

newsletter

ing flavio conti

Risorse Solari© | N° PARTITA IVA 02235240120 | Sede operativa : RISORSE SOLARI  Via Piave,27 21040 Lozza (va) ITALIA

Tel. +39 0332 264579 Cell. +39 3497368907

E-mail:info@risorsesolari.com Sito Web: www.risorsesolari.com